Salma Hayek, John C. Reilly, Vincent Cassel, Toby Jones

PRESSBOOK-Il racconto dei racconti

IL RACCONTO DEI RACCONTI

Tre racconti de "Lo cunto de li cunti", la raccolta di fiabe più antica d'Europa, scritta fra il 1500 e il 1600 in lingua napoletana da Giambattista Basile. Una regina non riesce più a sorridere, consumata dal desiderio di quel figlio che non arriva. Due anziane sorelle fanno leva su un equivoco per attirare le attenzioni di un re erotomane sempre affamato di carne fresca. Un sovrano organizza un torneo per dare in sposa la figlia contando sul fatto che nessuno dei pretendenti supererà la prova da lui ideata, così la figlia non lascerà il suo fianco e i confini angusti del loro castello.

Il regista

 

Matteo Garrone (Roma, 1968). Nel 1996 vince il Sacher Festival con il cortometraggio Silhouette. L’anno seguente realizza con la sua casa di produzione, Archimede, il suo primo lungometraggio, Terra di mezzo, Nel 1998 il suo secondo lungometraggio, Ospiti, viene presentato alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Anche il suo terzo lungometraggio, Estate Romana, realizzato nel 2000, è selezionato alla Mostra del Cinema di Venezia. Nel 2002, con L’imbalsamatore, partecipa alla Quinzaine des Réalisateurs del 55. Festival di Cannes. Nel 2004 è in Concorso al 54° Festival del Cinema di Berlino con il film Primo amore. Nel 2008 è per la prima volta in concorso al Festival di Cannes con Gomorra, che gli vale il Grand Prix. Il film vince inoltre cinque European Film Awards (miglior film, miglior regia, miglior attore, miglior sceneggiatura, miglior fotografia), sette David di Donatello, due Nastri d’argento, il Silver Hugo per la migliore sceneggiatura al Festival di Chicago e riceve la candidatura come miglior film straniero al Golden Globe, al BAFTA e al César. Sempre nel 2008 produce Pranzo di ferragosto di Gianni Di Gregorio, Premio Venezia Opera Prima – Luigi De Laurentiis alla Mostra di Venezia. Nel 2012 è di nuovo in concorso a Cannes con Reality, e vince il suo secondo Grand Prix; il film riceve inoltre tre David di Donatello e tre Nastri d’argento.

Torna su